mercoledì 21 luglio 2010

martedì 20 luglio 2010

Notte prima del volo



Ok.
Adesso tra me e il treno che metterà in moto le cose ci sono solo poche ore.

Il caso vuole che sia lo stesso identico treno che prendo al mattino per andare a Brera!
Poi dalla stazione centrale prenderemo la navetta che ci porterà a Malpensa,
e da lì il volo.

Quindi domani alle ore 16:15 al Terminal 1 dell'aereoporto di Helsinki-Vantaa,
Corvo e Volpe si guarderanno negli occhi.
Sarò pronta per questa radiografia interiore?
Forse non si è mai pronti per una radiografia interiore....
Però se adesso cerco un attimo di capire cos'ho dentro trovo solo una calma strana,
e una specie di calorino confortevole allo stomaco,
come quando bevi un goccio di liquore in inverno.
La mia testa,surreale a dirsi,è sia vuota che piena allo stesso tempo.
Cerco di immaginare senza troppa ansia inutile
come sarà quel primo sguardo,ma al tempo stesso so
che questi pensieri quasi sempre sono poi diversi dai fatti.

In ogni caso sapremo.
La notte sta già correndo via,cicale e i grilli cantano nei campi.
Forse non sanno che la prossima volta che scriverò su questo blog
sarò sicuramente cambiata un pò.
O forse lo sanno benissimo.
Buonanotte....


Preparativi.....




La mia stanza è un caos di oggetti alla rinfusa,
ma tutto quello che serve è già diviso
tra lo zaino da trekking che mi farà da valigia
e lo zaino nero che mi farà da bagaglio a mano. All'interno oltre a vestiti e asciugamani ci sono oggetti di svariato tipo:
Una tamorra e un libro per il corvo,una moka con set di sei tazzine e piattini a roselline per Irene,a cui molto presto faranno compagnia mostarda,caffè,formaggio grana e altro ancora.....
Ah dimenticavo! Ci sono anche abiti e scarpe medievali perchè a quanto pare il 23 saremo al festival di Hollola!
Non possiamo resistere alle rievocazioni
nemmeno lontano da casa! ;)

Non mi sembra vero.....sto per partire!

lunedì 19 luglio 2010

Scarpette rosse




Queste sono le mie nuovissime scarpe medievali.
La cosa divertente è che non hanno la suola di gomma ma di pelle,e finchè non le consumerò un pò saranno a rischio scivolone!
Però sono davvero comode e medito di metterle qualche volta
anche quando non sono in rievocazione!
Questo fine settimana sono stata ad Urgano (Bg) con la confraternita dell'orso,ho finalmente passato una notte al campo dopo diverso tempo,
e per fortuna le mura fresche della rocca e un temporale che ci ha graziosamente girato intorno senza colpirci,ci hanno graziato dal caldo tremendo!
E così ridendo e scherzando è già passato un anno
da quando io e il mio bello siamo entrati in questo fantastico gruppo!
Per l'occasione,a nostra insaputa i cari orsi hanno organizzato una piccola cerimonia di "investitura". La pesantissima cotta di maglia mi ha quasi abbassato ulteriormente di qualche cm,ma è stato molto bello!




giovedì 15 luglio 2010

Qualcosa per la buona notte...


Mi ricordo che quand'ero piccola i Moomins riuscivano ad arrivare fin qui in italiano
grazie ad uno scrausissimo canale regionale! :)
Questo video per me è assolutamente delizioso,
ed è sempre bello osservare con quanta naturalezza e tenerezza un personaggio sgorga
dal pennarello nero del suo creatore.
Il sole ....beh è un pò corrucciato perchè un troll non dovrebbe addormentarsi
impunemente sotto i suoi raggi luminosi....ma poi gli passa! ;)



Qualcuno ci pensa....



a tal punto da fotografare gli aerei nell'azzurro cielo finlandese
e scriverci che "tra una settimana Volpe e Orso
sorvoleranno il fiume
Vantaajoki
dove è stata scattata la foto,
e arriveranno all'aereoporto di
Helsinki-Vantaa! ♥ :) "





..... Scusate se sono logorroica ma queste piccole cose
mi fanno andare in brodo di giuggiole!!

martedì 13 luglio 2010

Il filo rosso....



In questi giorni,ora che manca così poco ad un incontro tanto importante
mi sento come se un filo rosso e caldo si fosse attorcigliato intorno ai miei sensi.
Le mie "orecchie da volpe" captano ogni più piccolo rumore,ogni più piccolo segnale.
Il mio "naso" non è mai fermo,e l'aria ha un odore speciale:
di curiosità,forse un pizzico di paura,ma anche di fiducia e comprensione.
Al posto del cuore mi sembra di avere una sorta di stufa che butta fuori calore.
E non si tratta del caldo di questi giorni afosi,ma di un calore tutto interiore,
ben alimentato da qualcuno che aspetta e che sicuramente
ha le piume arruffate dallo stesso vento.




Coccinelle oniriche

Ieri notte ho sognato di avere in testa,fra i capelli milioni di coccinelle.
Anche se continuavo a toglierle e a farle volare via non riuscivo a liberarmene.
Erano rosse ma non solo,alcune avevano tonalità pastello!
Al mio risveglio ero contenta perchè le coccinelle come tutti sanno sono insetti buoni,che mangiano gli afidi di rose e frutta,e che portano fortuna.
Così sorridendo per questo sogno così carino,
mi sono preparata a prendere il treno per Milano.

Lì,ieri una mia cara amica si è laureata con suo grande sollievo
....e alla fine sapete com'erano fatte le bomboniere?

Coccinelle sorridenti! ;)




sabato 10 luglio 2010

Pensiero disegnato....



Per tutte le donne della mia vita.
Passate presenti e future.


Forse le parole di un'altra donna speciale sono più adatte delle mie,e come sempre agiscono tramite un passaparola,ma mi auguro che non perdiate mai la vostra "donna selvaggia" se l'avete trovata,e che possiate sco
prirla se davvero lo desiderate.

"Le cose perdute per secoli si possono ritrovare seguendo l'ombra. Accendete una candela,perchè questi tesori perduti e rubati ancora gettano ombre nei nostri sogni notturni o a occhi aperti,e nelle antichissime storie,nella poesia,e in... qualsiasi momento di ispirazione. Noi donne di tutto il mondo - vostra madre e mia madre,voi e io,vostra sorella,la vostra amica,le vostre figlie,tutte le tribù di donne che ancora non conosciamo- sogniamo quanto è perduto,quel che dovrà emergere dall'inconscio. In tutto il mondo sogniamo gli stessi sogni. Non siamo mai senza la mappa. Non siamo mai separate. Ci uniamo attraver
so i sogni.I sogni sono compensatori,forniscono uno specchio dell'inconscio profondo riflettendo per lo più quanto è perduto e ciò che occorre per correggere e riequilibrare. Sono immagini illuminanti. Ed ecco che cosa sogniamo: Sognamo l'archetipo della donna selvaggia,sognamo la riunione. E ogni giorno nasciamo e rinasciamo da questo stesso sogno selvaggio,e torniamo alla luce del giorno serrando nella mano un pelo ruvido,con le piante dei piedi nere di terra bagnata,i capelli che profumano di oceano,o di foresta,o di fuoco di legna. Da quella terra passiamo ai nostria abiti da giorno,alle nostre esistenze diurne. Arriviamo da questo luogo selvaggio per metterci davanti al computer,o ai fornelli,alla finestra,o davanti a un insegnante,un libro,a un cliente. Respiriamo il selvaggio nel lavoro con gli altri,nelle decisioni,nell'arte,nell'opera delle nostre mani e dei nostri cuori,nella politica,nella vita domestica,nell'educazione,nell'industria,neglia affari esteri,nelle libertà,nei diritti e nei doveri. Il femmineo selvaggio non è soltanto sostenibile in tutti i modi : SOSTIENE tutti i mondi.Dobbiamo fare in modo che qualcosa del selvaggio ritorni quando è richiamato. Usiamo le voci della mente,dell'esistenza,dell'anima per richiamare l'intuito,l'immaginazione,la donna selvaggia. E lei viene.Se state per fuggire,per affrontare un rischio,osando agire in modi vietati,allora scovate le ossa più profonde,fecondando gli aspetti nauturali e selvaggi delle donne,della vita,degli uomini,dei bambini,della terra.Usate il vostro amore e i vostri buoni istinti per sapere quando ringhiare, assalire, colpire violentemente, quando uccidere, ritirarsi, latrare fino all'alba. Per vivere più vicino al selvaggio numinoso una donna deve scuotere più la testa, traboccare di più, avere più intuito, più vita creativa, "più lasciarsi sporcare" più solitudine, più compagnia di donne, più vita naturale, più fuoco, più cucina di parole e di idee. Deve riconoscere meglio la sonorità,la semina,le radici,la gentilezza verso gli uomini,la rivoluzione nel vicinato,la poesia,la pittura di favole e fatti,più lughe penetrazioni del femmineo selvaggio.Più circoli di cucito terroristi e più ululati.Molto più canto hondo.Deve scuotersi di dosso la pelle che la ricopre,incedere sugli antichi sentieri,affermare la sua conoscenza istintuale."

(Clarissa Pinkola Estes)




Daybook di Luglio



Fuori dalla finestra
...Finalmente buio e fresco.Un canto di grilli e cicale sui campi! Sono riconoscente per...La mia fortuna sfacciata. Per il bene che sento dentro e che si riversa fuori. Sto indossando...Una vecchia e fresca camicia da notte della nonna consumatissima ma che adoro! Sto creando...i miei soliti scarabocchi,e pensierini per persone speciali Mi ricordo...che devo preparmi a partire ( e chi se lo dimentica!!!!) Sto per...andare a trafugare un ghiacciolo! Sto leggendo...per l'ennesima volta la copia del Kalevala che ho rubato a orso! Spero...di non dimenticarmi nulla,e poi non lo so....spero un sacco di cose ma ho quasi paura a scavarci. Certe cose importanti sembrano fragili e belle come bolle di sapone...Nella mia mente...Calore umano a distanza e non Dal lavoro...L'accademia non è un lavoro visto che non mi pagano (anzi!!!) ma possiamo tranquillamente riparlarne a settembre Mi accorgo...che il caldo umido della bassa è direttamente proporzionale al mio stato da zombie Sto pensando a queste parole...Viaggio,zaino,aereo,foresta.... Dalla cucina...qualcosa di fresco! In giro per casa...Rimasugli degli esami misti a cose da metter via per partire... Una delle mie cose preferite...in questo momento direi proprio il ventilatore! Un po' di programmi per il resto della settimana... Fare le valigie! Una foto che voglio condividere... gli incoraggianti progressi della piccola tortora: ora ha le piume e presto proverà a volare!



martedì 6 luglio 2010

Il penultimo....



Domani tocca ad un argomento a cui devo moltissimo,
basta guardare uno qualsiasi dei miei scarabocchi per rendersene conto:
l'Art Nouveau,con tutta la sua linea serpentina,le sue donne dai lunghi capelli (specie quelle un pò ambigue di Beardsley,o quelle splendide di Mucha...) e tutto il suo rigoglio vegetale,i suoi insetti,e i suoi tentacoli.

Montichiari



Mentre la massa si lanciava nei centri commerciali
per la prima Domenica di saldi estivi,
io e orso ci siamo diretti a Montichiari
per visitare finalmente il piccolo ma interessante
Museo Longobardo,e la Pieve di San Pancrazio.
Entrambi i luoghi erano deserti e tranquilli.
Dentro la Pieve,
in una giornata caldissima purchè sia deserta
(a parte i due gentili custodi)
,ci si può sedere sui gradini davanti all'entrata,mentre lo sguardo dall' alto corre lontano sulla pianura,e una corrente fresca gentile tiene compagnia.






sabato 3 luglio 2010

Amici immaginari....

Ieri c'era qui Niki,il bambino che ogni tanto teniamo a casa quando sua mamma ha da fare.
Poco prima di pranzo accendo la tv (cosa che succede raramente) e scartabello un pò tra i programmi del digitale. Su Boing,il canale dei cartoni animati,inizia per caso questa cosa qui (ma in italiano)



Sono rimasta fulminata.
Si tratta di una specie di "casa per amici immaginari dimenticati" che aspettano di essere adottati da bambini nuovi! Divertente e semplicemente adorabile! Saranno finiti in un posto del genere anche i nostri ?
Ve li ricordate? Sarebbe carino se li scrivessimo.....Secondo me ne sarebbero contenti.
In casa mia c'era "Lupone" : Un lupo blu con le scarpe da ginnastica rosse perennemente slacciate.
Lupone l'avevo ereditato dai miei genitori che a quanto pare l'avevano conosciuto prima di me!


A proposito di nidi....

Ecco un nuovo inquilino del Prugno nel mio giardino:





...Un piccolo di Tortora! :)



giovedì 1 luglio 2010

"Vulpes Antropologicus"



Stamattina la mia sveglia non ha suonato.
MA un sogno mi ha svegliato alle 6:30 giusto mezz'ora prima dell'irreparabile.
Giusto il tempo di bere un caffè al volo e sbiciclettare in stazione in tempo!
....Fortuna che ho la saggia abitudine di preparare le mie cose la sera prima!
Arrivo in accademia alle 9:30 dove il foglio appiccicato alla porta dell'aula 19 dice che prima di me ci sono 13 persone. Ok,mi è andata anche mooolto peggio.
Avevo uno zaino nero con dentro almeno 5 libri,il mio piccolo tamburo ungherese che sembra un sole e il piccolo ramo a staffa trovato sulla spiaggia in Toscana:
le onde l'hanno modellato alla perfezione per renderlo quel che è diventato,
ovvero un piccolo battente per il piccolo (ma furbissimo) tamburo che ne era privo!
Tra i libri anche un saggio su Armo,il mio paesino d'Aspromonte....assolutamente collegabile con "Sud e Magia" di De Martino.
Sono stata fortunata molte volte oggi.
La Prof ha subito deciso di esaminare in giornata fino al 14
(il mio numero) e gli altri domani.
Sono riuscita a tornare a casa con il treno delle 17:20.
Ho aspettato tutto il giorno perchè ero l'ultima,ma fortunatamente ho fatto amicizia con una simpaticissima ragazza Ucraina,e avevo a portata di mano
l'orto botanico in pieno rigoglio da Jungla
(ci sono pure dei girasoli alti 2 metri,e la digitale poco ci manca!)
E ovviamente avevo il mio piccolo sole dalla buona voce.
La mia nuova amica ad un certo punto, approfittando della coda è andata a portare un curriculum in centro....ed è poi tornata raggiante con un nuovo lavoro! ;)
Io alla fine della suonata (è proprio il caso di dirlo)
ho creato collegamenti di ragnatela tra i nostri affascinanti e antichi folklori.
Dalla Nonna al Corvo,dal Mar Jonio al Baltico.
Non ho dovuto studiare niente,avevo già tutto dentro e da un sacco di tempo.
La mia storia incredibile è diventata il mio esame.
30/30 sorrisoni da entrambe le parti,
e una professoressa di Antropologia entusiasta che seguirà la mia tesi.
Ps: Il disegno in alto (che a molti sembrerà un pò strano) viene dal sogno che mi ha svegliato in tempo. Non è nemmeno la prima volta che lo sogno,
ma è la prima volta che ne ricavo un disegno!
Il sogno a sua volta,viene da un posto lontano,dove c'è un grande albero
con molti uccelli e molti nidi sui suoi immensi rami....