lunedì 22 novembre 2010

giovedì 18 novembre 2010

Collaborazione...









Perchè insieme possiamo fare miracoli di carta
.....e non solo! ;)


martedì 9 novembre 2010

Medicina


Ecco tutti i cavalli che ho dipinto per il tamburo della mia cara amica,
che ancora non sospetta nulla:









Alla fine la scelta di tutti e tre è caduta sull'ultimo qui sopra....
ho lasciato che Irene e il Corvo scegliessero insieme,
ma in fondo lo sapevo già,perchè l'ultimo è nato
quando ormai le mani andavano praticamente da sole e la voce anche.
L'ultimo sa molte più cose profonde di quelli nati prima di lui....

....C'è un canto indiano che dice:

"Il vento è la mia medicina
che spazza via le pietre dalla mente.
La pioggia è la mia medicina
che lava le mie ossa stanche
abbandonate sul letto.
Il mio cavallo è la mia medicina,e quando cavalco
il ritmo intenso del suo passo dentro mi accende."

(Algonkin Blackfeet)

Brera sorprendente...


Come promesso ecco qualche foto di Sabato sera.....





La mia prima opera dal vivo....



...e un'accademia stranissima tutta vuota e illuminata!



venerdì 5 novembre 2010

Il pioppo e i corvi


Ieri camminavo per gli argini che mi conoscono così bene....
gli stivali affondavano nel fango facendo rumori buffi,
e intorno a me era pieno di gorgoglii.

Ieri non so come è successo ma c'era qualcosa nell'aria dell'autunno inoltrato,
e il vecchio pioppo che haq perso le foglie prima di tutti gli albero mi ha fatto
un regalo speciale. Questa:



Poi mentre mi trovavo nei paraggi della tana della volpe
(che ho trovato ben scavata e con un nuovo ingresso fresco fresco...
il chè mi fa molto piacere)
ho iniziato a sentire gracchiare.
Un rumore che ha interrotto i miei pensieri e mi ha rapita.
Il rumore che come sempre fa un pò sussultare il mio cuore.
Prima solo uno.
Volava da solo in cerchio,chiamando a gran voce.
Poi altri due,poi sei,poi dieci.....poi non ho più potuto contarli sopra di me
e il rumore che facevano tutti insieme era incredibile.
Mi hanno inchiodata a testa in sù e mi hanno fatto venire i brividi.
La loro voce era come una palla che passava da uno all'altro.
Un messaggio.......il corvo è stato soddisfatto quando glel'ho raccontato.
Lui lo sa. Era la sua lingua,quella.








Persa....









Da più di una settimana non scrivo nulla....
è che mi sono persa.
Mi sono persa nel paesaggio fuori dal finestrino del treno,
mi sono persa nella pioggia,
mi sono persa tra braccia forti e gentili,
mi sono persa nei miei fogli bianchi appesi a muri rossi e viola,
mi sono persa tra il tintinnio di monete sottili attaccate alla mia cintura di velluto,
mi sono persa nei movimenti morbidi e lunari,
e in quelli decisi e solari,
mi sono persa nel fango dei campi e nel colore delle foglie.....
Domani sera l'Accademia avrà un'aria diversa da quella a cui sono abituata.
Il motivo ve lo spiego più avanti,magari con qualche foto.
Qualcuno però lo sa già.... ;)
Mi troverò in un'altro posto pur rimanendo nel posto che conosco fin troppo bene:
aule,corridoi,statue e soffitti saranno sempre gli stessi.
Ma per una volta non dovrò correre per cercare qualcosa o qualcuno.
Niente lezioni,niente esami.
Avrò qualcosa da ascoltare....e non solo con le orecchie.
Avrò vicino qualcuno di molto importante
in un luogo che amo e a volte un pò detesto.

Mi perderò anche domani,e Brera si farà dolce per me.
Poi però ci sarà da rimboccarsi le maniche e farla finita anche con lei!