sabato 18 febbraio 2012



Attesa

I miei genitori sono tornati giovedì alle 4 di mattino, facendomi prendere un bello spavento!
Ma adesso la casa è di nuovo piena, più viva,Pillo il nero ha ritrovato la sua compagna di giochi,
e la mattina il cane-capra viene a svegliarmi con il suo naso umido.
Nel frattempo io mi riguardo e mi preparo:
sconfiggo il raffreddore giorno dopo giorno e la grande valigia blu è già in camera mia.
Oggi mi sono procurata dei nuovi doposci e pantaloni da usare nella neve.
E a giudicare dalle foto ne avrò bisogno eccome!
Infatti io e Ste non siamo i soli alle prese con i preparativi,
e "Matkaaja 7000" sarà il nostro piccolo rifugio:

Per la seconda volta mi sembra tutto talmente bello da sembrare irreale,una specie di sogno.
Ma se la prima volta che ho intrapreso questo viaggio avevo i piccoli dubbi della prima esperienza, adesso c'è solo il cuore che mi scoppia di gioia al pensiero di rivedere Korppi e Irene e di presentargli Ste, ed una grande curiosità verso questo modo bianco,diversissimo dall'estate con il suo verde, le sua acque brillanti ed i suoi frutti di bosco:
Di certo la voce della foresta sarà cambiata con la neve...
Ve lo farò sapere nei prossimi post, quando di sicuro avrò molto da raccontare.
Arrivederci lettori! Finalmente Volpe parte di nuovo!

mercoledì 15 febbraio 2012

Riconoscere Febbraio...


Oggi si rivede di nuovo la strada di casa,
le pozzanghere lasciate dal ghiaccio luccicano come specchi al sole,
e tira un vento fortissimo e profumato.
( Già! riesco a sentirne il profumo nonostante le vie respiratorie intasate!)
Forse, il Febbraio che conosco da sempre cerca di farsi riconoscere in tempo,
sa che stavolta non sarò qui per vederlo finire...
questo Febbraio lo vedrò finire in un luogo dove il freddo è freddo vero.
E di certo, quando alla fine tornerò a casa
la primavera mi sorprenderà e mi farà molto più piacere di tutte le altre volte...

Nel frattempo, i miei genitori sono in viaggio. Era ora!
E così passerò la prossima settimana a riposarmi, a farmi passare il raffreddore
e finalmente a preparare i bagagli.
Ah! A proposito di raffreddore:

Un'antica ricetta per calmare la tosse ha come 'principio attivo' la cipolla:
bollire in un po' di latte qualche fetta di cipolla, filtrare e bere caldo; detta così sembra un intruglio malefico, ma l'aggiunta di miele lo renderà dolce e piacevole.... ♥
E in ogni caso a me non dispiace affatto pure senza miele, che ci metto comunque dato che farà benissimo alla mia gola!

Il mio faro....

Ieri è stato bello ritrovare i grandi rami del vecchio Pioppo sopra la testa,
abbracciare di nuovo il suo grande tronco ,
e osservare il fumo della salvia salire e salire fino in cima con il suo profumo dolce,
a portarsi via pensieri e ringraziamenti....era quello di cui avevo bisogno.
Quando serve so che c'è questo posto sicuro.
Un posto dove fermarsi un attimo e tirare il fiato.
Da quando l'ho scoperto è il mio faro.
Il vecchio albero sa tutto di me,conosce tutti i miei segreti dai più sciocchi ai più profondi.
Ha visto parecchi momenti importanti della mia vita,
e so che io nella sua non sono che un bruscolino,una minuscola novità.
Ma se sono stanca so di potermi appoggiare a lui e ricevere un pò della sua forza.



lunedì 13 febbraio 2012

Fare pulizia


Poco.
Manca poco,pochissimo.
E io mi ritrovo ad essere stanca e affamata.
Affamata degli occhi dei miei, dei rumori di una casa piena....
Giovedì sarà tutto finito.
E poi....meno di una settimana per prepararsi ad un viaggio importante.
Lo aspetto talmente tanto che quasi mi fa paura.
Vorrei trovare un modo per svuotarmi di tutto, per pulirmi, per ascoltare meglio.
Non posso partire con questo fondo buio sedimentato in fondo.
Tutti i sogni che faccio ultimamente dicono che è ora di darci un taglio.
Quindi basta! Domani si fa pulizia! Come?
Grazie ad una buona camminata,
allo spirito di un vecchio albero
e al fumo purificatore della salvia essicata...


venerdì 10 febbraio 2012

Vento!

....ed un'illustrazione di Sulamith Wulfing che mi ricorda qualcosa,
cioè che qualcuno che nemmeno conosco bene
è comunque molto vicino, e molti altri lo sono. La farfalla conosce bene quest'ultimi.
Intanto la luna ricomincia il giro da capo, il vento profuma e porta sogni.
( e stanotte è stato come un lupo impazzito! Ha fatto ululare e tremare tutta la casa,
e così era particolarmente piacevole starsene a letto a leggere,
con una piccola candela dalla fiamma ferma e sicura, accesa vicino ai tamburi...)
Prima di chiuderlo fuori, l'ho annusato ben bene questo vento. Gli ho permesso di scompigliarmi i capelli e farmi lacrimare gli occhi,mi ha fatto sorridere.
Gli ho chiesto qualcosa e qualcosa mi è stato raccontato.
Intanto i miei si tengono pronti per tornare mentre io cerco di prepararmi per andare via.
E non parlo di valigie........ ma di questo: ♥@

martedì 7 febbraio 2012

Ghiaccio e ricette per uccellini


Ieri mattina stavo lavando i piatti....quando ad un certo punto l'acqua mi è sparita da sotto il naso, ed io sono rimasta lì inebetita con le mani piene di schiuma!Il ghiaccio aveva bloccato il tubo dell'acqua in garage e così ho rischiato di rimanere al freddo e senz'acqua per un pò. Non sapevo quanto sarebbe durata la cosa, così per non sprecare acqua ma riuscire comunque a portarne una tanica calda a Seta,il cane che abita in giardino,ho sciolto un bel pò di neve.


Fortunatamente mi sono poi ricordata di avere in soffitta un vecchio termoventilatore così ho aperto la scala ( una terribile e pesante scala a botola con le molle ) e sono salita a recuperarlo.
Una volta attaccato e lasciato davanti al povero tubo per un'oretta ecco che l'acqua ha ripreso a scorrere in casa! Che sollievo! Ho subito "impacchettato" le tubature in questione con vecchi pile e plastica e durante la notte ho lasciato un filino d'acqua a scorrere,
per evitare nuovi congelamenti. Inutile dire che oggi, lavare i piatti con l'acqua calda è stato particolarmente soddisfacente! D'ora in poi terrò da conto il vecchio aggeggio per scaldare il bagno che avevamo relegato in soffitta!...I miei vicini di casa sono tutt'ora senz'acqua!


Oggi ha nevicato praticamente tutto il giorno e così ho pensato anche agli abitanti del giardino:
Con l'ultimo pezzetto di burro che c'era in frigo ho impastato farina, un bel pò di semi, un pò di prosciutto e briciole, ho formato una palletta e l'ho lasciata a consolidarsi in frigo. Dopodichè ho legato del filo ad un legnetto e con l'ago ho infilato il tutto, infilzando anche qualche seme di zucca e di mais sopra la palletta. Quando sono andata ingiardino per dare la pappa e portare l'acqua a Seta l'ho appesa ad un ramo del prugno...così anche il Pettirosso,i merli, le cincie e tutti i piccoli abitanti alati dei campi potranno sfamarsi più facilmente con tutta questa neve!


Intanto i giorni si susseguono, le settimane solitarie stanno diventando 4, il gelo non molla e io trasporto legna,accedo fuochi, spacco ghiaccio....e sopratutto aspetto.

giovedì 2 febbraio 2012

Neve e storie

Giorni di sporadici fiocchi bianchi e ghiaccio,
di fuoco acceso e letture...
Ieri aprofittando della neve, ho fatto un giro nella zona dove so che abita la volpe,
e così ho trovato le sue piccole impronte ordinate,una tana che non avevo mai visto,
ed un'entrata nuova ad una tana che invece conoscevo già.


La sera leggo davanti al fuoco,
e così insieme a Mary Lennox mi sto inoltrando nel giardino segreto.
Ho trovato da poco questo meraviglioso classico di Frances Hodgson Burnett in libreria, non l'avevo mai letto...ma ne conoscevo la versione cinematografica di Agnieszka Holland del '93.



E nonostante Frances Burnett venga prevalentemente ricordata per Il piccolo Lord
(Little Lord Fontleroy), si può affermare che la sua opera più completa, più bella e più significativa sia proprio Il giardino segreto: un libro che consiste nella miscela di buoni sentimenti, soprannaturale, speranza, amicizia, e ricco inoltre di simbologie legate alla natura. Inoltre anche lo splendido scenario naturale, ossia la brughiera inglese e il verdeggiante e rassicurante giardino, contribuisce a fare di questo libro
un capolavoro della letteratura per ragazzi.
Dickon, il fratellino gentile e selvatico di Martha la cameriera, che parla agli animali e sa tutto di fiori è il mio personaggio preferito!