lunedì 30 luglio 2012

Volpe Jonica




Il primo bagno inaspettato. Lì  dove l'Etna sembra sbucare dal mare.
Il mare, il mio mare antico che pulisce dentro e fuori.
Abbraccio di velluto.
Lasciarsi galleggiare a faccia in sù in balìa delle onde, sentirne il ritmo.
Lanciarsi dagli scogli,osservare i pesci.

E poi....


stare tra le tegole del tetto e vedere la luna sorgere da dietro le colline smussate....
Agosto sta iniziando.
Agosto finirà.
...Intravedo la luce alla fine di un tunnel troppo caldo....

Corallo e Rebetiko

Ieri l'aria era afosa. Quasi quaranta gradi  e non si stava bene da nessuna parte!
 E a peggiorare la situazione
 ci si è messo uno dei numerosi incendi sulle già brulle colline dei dintorni.
 C'era un alone inquietante intorno al sole e pezzi di leggerissima fuliggine
 nera volavano nell'aria irrespirabile sporcando ogni cosa.
 Oggi per fortuna va un pò meglio....
Io desidero andare al mare ma non ci sono ancora riuscita, 
e così nel frattempo, ascolto Rebetiko e armata di pennelli, il mare me lo porto in camera...



giovedì 26 luglio 2012

Quando capii di avere il pensiero....

Oggi non so bene perchè ( perchè forse stavo pensando, ecco!)
mi è tornato in mente il preciso istante della mia infanzia, 
 in cui mi sono resa conto di questa strana voce dentro la testa....che era la mia stessa voce!
 Dopo il primo sbigottimento, ci ho preso gusto, sapete? 

Dalle colonie Joniche....














Da qui vi scrivo.

Il lungo viaggio è finito da un pezzo.
Io, sperduta tra i colli brulli dell'Aspromonte, 
dove ancora si nascondono i satiri, folleggiando nelle notti di luna, ho finalmente la mia tana:
Una stanza in cima alla casa, un pò torre un pò soffitta, un pò terrazza.
Dalle pareti azzurre. 
Un osservatorio per guardare la messa che entra e esce e ridere sotto ai baffi.
Un posto perfetto per fare le bolle di sapone che si perdono tra le tegole e gli altri tetti,
e che a volte arrivano inaspettatamente lontano e stupiscono i passanti.
Da un angolino, si vedono pure il mare e un pezzetto di Sicilia.






E adesso che sono qui ho una presentazione importante da fare:
La miticissima Matilde di cui vi ho già scritto, il giorno in cui sorprese tutti venendo al mondo!


I giorni sanno di fumo e sembra sempre Domenica.
Il mio sangue è incendiato da antiche frenesie da Baccante,
ma non ho ancora visto il mare di persona.
E il mio uomo-gatto? Il mio satiro dalla barba rossa? 
Arriverà presto.....

venerdì 20 luglio 2012

Argento

Non posso farci nulla. L'amore per i talismani  e per i piccoli oggetti "significativi" è nel mio D.N.A.
 Qualcosa di antropologicamente rintracciabile, e con poca fatica, tra le abitudini dei miei avi Grecanici. C'è una parola che racconta tutto questo, lo dice pure Wikipedia:  << L'aggettivo "Apotropaico" (dal greco αποτρέπειν, apotrépein = "allontanare") che viene solitamente attribuito ad un oggetto o persona atti a scongiurare, allontanare o annullare influssi maligni. Si parla ad esempio di monile apotropaico, rito o gesto apotropaico. >>
E questo, oltre a essere un periodo di preparativi di viaggio ( finalmente ho chiuso la valigia!) è un periodo di apertura. L'intuito precede gli eventi nei sogni, le idee creative sono un fiume, e altri sogni ancora sono significativi.  Stanotte ho ricevuto una visita, di quelle grottesche e gradite. Ho acceso incenso per questo, perchè queste visite sono un onore. Siete i benvenuti nei miei sogni ha detto l'incenso,portando in alto il messaggio. E ieri sera, ho trovato un altro piccolo amuleto per la mia collezione:
Un anello d'argento con incastonato uno spaventoso occhio azzurro di vetro.
 Mi ha ricordato l'occhio dipinto sulla prua delle navi, per cacciare la malasorte e proteggere i naviganti.
 Mi ha ricordato anche che a volte è davvero come avere un "terzo occhio" ovvero l'ituito-faro. 
Che è come avere un'terzo occhio e al tempo stesso un milione di occhi. 
La forza e la profondità del simbolo-occhio mi hanno fatto vedere l'alba dalla finestra della mia stanza, 
ed è stato al crepuscolo ( un momento di passaggio come pochi ) che ho sognato ed incontrato qualcosa.


Ho trovato anche un altro piccolo amuleto d'argento, ma non è per me....
e quindi posterò la foto in seguito perchè il destinatario non venga a curiosare!
Però per consolarvi, ecco un'illustrazione della mia adorata Uzza Puzza 
( Beatrice Brignani) che calza a pennello: 



giovedì 19 luglio 2012

Di spedizioni postali, preparativi di viaggio e nuova vita....

Quando si dice "una nuvola non viene mai sola" la frase può anche avere un' accezzione positiva.
Di solito non è così. Ma io con la parola "solito" ho poco di cui spartire.
E quindi vi racconto questa giornata piena di piccole e grandi nuvole che hanno dipinto un cielo fantastico nella mia testolina: 
Prima di tutto sappiate che il sottofondo della giornata è stato (ed è tuttora)  il caos pre-partenza.
Perchè se ancora non lo sapete la mia famiglia è come una famiglia di zingareschi rondoni. 
Appena c'è l'avvisaglia di qualche festa comandata, o quando Agosto si avvicina troppo alla pianura, noi carichiamo il vecchio camper ( con dentro di tutto e di più compresi cani,gatti, piante carnivore e il mio tamburo ) e facciamo rotta verso Sud. Verso il mare, verso la famiglia, verso le radici.
Compio questo esodo da che ho memoria. Un pò lo amo e un pò lo odio. 
Quindi queste ultime giornate sono dominate dai preparativi di tutti i tipi, materiali e non.
Tra i miei preparativi in questione c'era la faccenda pacco: 
Perchè ogni tanto, senza una scadenza precisa, di solito quando ho ammucchiato abbastanza pensierini, disegni e confezioni di caffè, faccio un bel pacco con una scatola dei libri comprati on-line, la avvolgo in vecchi fogli giallini di carta per gli schizzi, poi scrivo gli indirizzi che so ormai a memoria, appiccico qualche adesivo buffo ( questa volta animaletti  strampalati)  e lo spedisco alla mia seconda famiglia lassù in Finlandia. E in circa due settimane Irene o il Corvo se lo ritrovano davanti alla porta della loro casa rossa con la foresta intorno. 
Rimane un mistero che la "signora dei pacchi" non ha saputo svelarmi stamattina, il perchè il processo contrario ( ossia dalla Finlandia verso l'Italia ) richiede un sacco di tempo in più! L'ultima volta mi è venuta l'ansia da postino e quando finalmente il pacco è arrivato, l'omino delle consegne ha fatto un balzo indietro cercando di suonare il campanello, perchè io ero già volpescamente in silenzio sulla soglia ad aspettarlo! 
E così oggi uno dei miei pacchi è partito all' avventura. Mi piacerebbe avergli messo una piccola-telecamera, come fanno certi proprietari di gatti fantasiosi, per poi scoprire che il loro felino dorme tutto il giorno su un armadio, producendo il documentario più noioso del mondo. 
Ho adeguatamente nascosto una runa buona per i lunghi viaggi in una piega invisibile della carta che ricopre la scatola, e spero che aiuti tutte le mie cose ( cose semplici ma significative, che so verranno comprese ) ad arrivare a destinazione e ad arrivare intatte.


Poi più tardi, litigando furiosamente con una connessione internet ballerina ( ma che messa in confronto ai brandelli di collegamento che avrò in Calabria, sperduta tra i canyon dell'aspromonte -dove se stai attento vedi ancora i satiri saltare- è stabile come una fortezza ) sono finalmente riuscita a venire a capo della mia (pre)iscrizione al corso biennale di Terapeutica Artistica a cui tengo tanto. Un altro piccolo passo.
 Il colloquio per essere ammessi sarà l' 8 Ottobre e io so di avere buone carte da giocare, 
nonchè un amore ricambiato per l'autunno. 


E poi la nuvola più bella....leggermente pre-annunciata, dato che in questi giorni ( anzi in queste notti ) le mie orecchie di canide errante sono particolarmente sensibili.
Infatti ieri notte sono andata a letto, e come faccio sempre ho pensato alle persone che amo di più.
In particolare a tre di queste persone. Una la mia Madrina, una la mia cuginetta in arrivo nel suo grembo, e la terza una Zia speciale, simile ad un angelo. Pensavo a loro tre e a mia madre, a quanto amore e a quanta attesa per questa nuova vita, e a quanta felicità luminosa avrebbe creato intorno a sè. Così qualche lacrima ha bagnato il mio cuscino e un senso di espansione, difficile da spiegare, si è creato nel mio petto prima che mi addormentassi. E poi oggi la notizia..... alle 2:00 è nata Matilde, leggermente in anticipo come si conviene ad una ragazza sveglia, sballando le aspettative astrologiche come feci pure io. 
I segni d'acqua sognatori vincono 2 a 0 contro i segni di fuoco. 
Li abbiamo fregati un'altra volta!!! ;) 
Qui abbiamo festeggiato con un caffè non previsto reso particolarmente buono dalla notizia,
 e io non posso che postare quest'illustrazione bellissima del meraviglioso Erlé Ferronnière,
 amico delle fate. 


venerdì 13 luglio 2012

Fili districati dalla voce del fiume...

In questi giorni si sono intrecciati tanti fili: 
Fili di lana azzurri del mio nuovo abito medievale,
fili di fumo dalle candele spente e dall' incenso,
fili di ragno negli angoli nascosti,
E anche fili di paura e di pensieri,
che però alla fine sono stati sciolti dalla voce del fiume.
Un fiume sognato.


Urgnano: Festa in Rocca 2012

Se per caso questo fine settimana vi viene un'improvvisa voglia di medioevo, 
Sabato e Domenica ad Urgnano ( Bg) presso la rocca,
 troverete la Confraternita dell' Orso e tanti altri gruppi di rievocazione storica! 
Questo il ---> LINK per maggiori info! 

lunedì 2 luglio 2012

Rauta


In attesa del nuovo album dei miei beniamini  del folk-metal Finlandese,
ecco il nuovissimo video del pezzo Rauta (ovvero "Ferro").
...Oltre naturalmente ai Korpiklaani, vi si vedono anche il fabbro Seppä Tervarauta, 
- l'uomo che ha preparato caffè per tutti e forgiato davanti al mio naso l'ultimo ( e alquanto simbolico) regalo del mio compleanno mentre fuori nevicava fitto - e il mio caro Corvo.
Nonostante avessi visto in anteprima le foto delle operazioni di ripresa del video in questione,quest'ultima parte è stata una bellissima sorpresa anche per me! 
Volpe è molto orgogliosa.... ;) 
PS: Trovate i link sia al sito dei Korpiklaani che a quello di Seppä Tervarauta, qui nella colonna a sinistra! 



Sultifera Pepus



Adesso, con i tuoni come sottofondo, vi presento qualcosa di nuovo e bello: Sultifera Pepus, 
ovvero il sito creativo di una carissima amica ( Beatrice Brignani) per la quale sto realizzando le foto della sezione "ceramica". Questo sito è una piccola vetrina, anzi un oblò da cui spiare cose belle, quelle che normalmente non si vedono perché ci si affanna dietro mille altre faccende. … quasi un libro da sfogliare per chi ama le immagini più di ogni altra cosa, per chi ha ancora la curiosità di guardare oltre il segno; insomma un luogo per illustratori ed editori, maestre e maestri,  bambini e non più', per chi non ha paura della decorazione o per chi ha bisogno di un decoratore... 

Nelle pagine di questo sito sono nascoste illustrazioni che fanno capo ad un repertorio antico dell’immagine: Troverete le ceramiche ingobbiate e lavorate con la tecnica a risparmio ma anche illustrazioni per ragazzi dalle linee semplici, insoliti loghi, lavori di scenografia e pezzi decorati.
 In ogni galleria vi è un grande mercato di colori aperto a chi, anche nelle più moderne immagini vede l’antico e nelle cose antiche non può fare a meno che scovare la più assoluta modernità …



Dunque cliccate su SULTIFERA PEPUS e godetevi le atmosfere rinascimentali della Bea, e speriamo che le porti bene!