mercoledì 30 ottobre 2013

Una specie di volpe...


Ed ecco che alla fine, mi accingo anche io a omaggiare il logo di Una Specie di Spazio  (che vi consiglio vivamente di seguire ed inseguire) ovviamente dandogli le volpifere sembianze di una Kitsune dispettosa ma benevola...


martedì 29 ottobre 2013

Ovunque nel tempo e nello spazio


Io e Ste ormai siamo completamente persi per la serie Tv della BBC "Doctor Who".
Abbiamo guardato ormai tutti gli episodi, compresi quelli degli anni '60
e siamo in fervente attesa del 50esimo anniversario.
Potrete immaginare il nostro stupore ed il nostro entusiasmo 
quando abbiamo trovato una chiave d'ottone, un cacciavite sonico, 
ed un misterioso libricino blu molto vecchio scritto fitto fitto pieno di calcoli e appunti....



Abbiamo approfittato al volo -letteralmente- di questa fortuna sfacciata 
per farci "qualche giro" , e se guardando alcuni vecchi ritratti o alcune opere d'arte noterete incredibili somiglianze....beh sappiate che noi non c'entriamo nulla! 

Ecco  a voi dal rinascimento "Fanciulla con cigliegie" 
 attribuito a Boltraffio Giovanni Antonio...


Passando per l'unico ritratto esistente di Mrs. Elizabeth Arnold Hopkins Poe 
(1787-1811) attrice e madre di Edgar Allan Poe...


...per finire con la conturbante "ragazza accovacciata" 
disegnata dall'artista svedese Carl Larsson nel 1901...


venerdì 25 ottobre 2013

giovedì 24 ottobre 2013

Profondo blu



Giorni in cui mi perdo a guardare il mondo,

in cui le mani si muovono come sempre e il resto cerca di seguirle 
ma si distrae per tutte le piccole cose buone, estatico...
tipo oggi, gli zingari: 
erano alti e giovani, avevano gli occhi allegri, capelli neri raccolti in lunghissime trecce lucide e spesse, e gli strumenti musicali sulle spalle. Una parte di me li avrebbe seguiti volentieri in capo al mondo.
Oppure  ieri, la comitiva di finlandesi trovati sul treno:
avevano un sacco di valigie e il loro accento mi faceva sospirare, abbiamo anche parlato un pò e si sono stupiti del mio finlandese autodidatta rendendomi felice. Sono scesi a Cremona e li ho lasciati ai loro giri, spero l'abbiano gradita questa piccola città.
E ancora oggi, la ragazza-lupo: non riesce a stare ferma, è vorace, ha fame d'anima, ed è sempre in viaggio. Mi ha portato del pigmento blu dal Marocco. Un blu talmente vibrante che riempe gli occhi e ti catapulta nelle sue profondità. Ascoltare la ragazza-lupo è come leggere un romanzo di Verne, come stare alle calcagna di un'esploratrice vittoriana un pò volubile, ma è anche sentirne il fuoco interiore e la fame, e sospirare come un vecchio cane, perchè sai benissimo che dovrà sfamarsi da sola. 
E  domani.....domani cosa avrò da osservare? 


martedì 22 ottobre 2013

Storia di un seme ( l'inizio )


Ognuno di noi può coltivare il suo giardino interiore,
immaginare di essere un seme,
che viene messo nella terra, mette radici, germoglia cresce e fiorisce.
Per ogni fase un elemento, per ogni elemento un gruppo.
Io sono nella Terra.
Di certo da me, qualcuno si aspetterebbe "Aria", essendo così oscenamente fosforica....
ma voglio fare una sorpresa, e forse un dono a chi la pensa solo in questo modo.
Per una volta posso togliere un pochino il velo, 
quel velo fatto di sorrisi e un'apparenza un pò buffa, e far dare una sbirciatina al mio tesoro che sa di umidità e humus. Non sarà facile. Questo lato è una di quelle cose che proteggo istintivamente, occultandola ben bene. D'altronde essere una volpe vuol dire anche nascondersi, camuffarsi. 
Intanto il mio seme, nato sulla carta, assomiglia ad un organo interno, ha il cuore rosso e dovrebbe far nascere una strana piantina dai piccoli fiori blu. 



Sto già cercando di dargli una forma tridimensionale: so già che è pesante e che potrà mostrare il suo nucleo rosso tramite una piccola apertura da richiudere, ma non ho ancora finito.
Con questo tempo, sarà il camino acceso ad aiutarmi ad asciugare il tutto, e poi potrò continuare...



domenica 20 ottobre 2013

Foto dal mercatino di Casalbuttano


...e dalla sua gradevole atmosfera autunnale,
prima che arrivasse la pioggia a far scappare tutti! 


Mia mamma e il suo banchetto, 
le bellezze architettoniche del luogo, e alcuni amici .....


...nonchè naturalmente, i piccoli tesori della giornata: 


sabato 19 ottobre 2013


Per te,
che vieni a camminare nei miei sogni,
che ti fai inseguire evanescente e velocissima,
e che dopo avermi fatto correre ovunque
ti fermi e mi aspetti, giusto quando ormai sto per andarmene...


venerdì 18 ottobre 2013

Cercando di dare


Cercando di dare, si vede che non si ha niente,
 vedendo che non si ha niente, si cerca di dare se stessi, 
cercando di dare se stessi, si vede che non si è niente, 
vedendo che non si è niente, si desidera divenire, 
desiderando divenire, si vive.


- René Daumal -

Questa Domenica, fatevi un giro!


giovedì 17 ottobre 2013

Tavolozza autunnale


Le foglie continuano a cadere,
hanno colori splendidi! 
...e io continuo a raccoglierle! 




mercoledì 16 ottobre 2013

3 anni or sono...

...uno strano ragazzo dai capelli corti arrivò nella mia città,
si tolse le scarpe per camminare scalzo nella terra dei campi,
e annusò il tronco del mio albero preferito....
...le mie orecchie ebbero un fremito e non me lo feci scappare! 

lunedì 14 ottobre 2013

Promemoria

...per tutti coloro che giudicano dalle "apparenze".
A loro dedico quest'immagine che ho appena trovato, con il relativo consiglio :

"Don't rely on something just because it fits"



venerdì 11 ottobre 2013

Il Giallo e l' Universo sono in combutta!


Il giallo mi vuole parlare! E allora ascoltiamolo.
La mia "Prof. dei colori" mi dice che il mio lavoro è Ok. 
Pieno di "Tesori" . Ma che metaforicamente parlando deve essere più giallo.
Che in pratica si traduce con le mie immagini stampate GRANDI GRANDI in modo che chi le vede possa farsi venire un infarto (ossa nere, scheletri vestiti di giallo, ecc... ) 
E io mi dico ok. Si può fare, e mi incuriosisce pure. 
Vado a prendere la metro per tornare a casa. 
E qui inizia il bello.
1) La linea è quella gialla
2) C'è un gigante cartellone della pubblicità che recita: " Tira fuori il giallo che c'è in te!" 
( La foto fa schifo al cavolo, ma ero lontana e piuttosto basita )


3 ) Arrivo in Centrale e prendo il treno. Il treno che viene qui a Cremona, città di Stradivari.
Ad un certo punto, mentre Ale se la dorme beata in compagnia di "Mascella" ( un pezzo della mia opera nera )


 si sente risuonare un violino. Ma non un violino zingaro rattoppato con lo scotch, veloce come il diavolo. No no. Proprio una cosa raffinata da orchestra!
Allora mi alzo e vado a vedere.
Trovo quest'apparizione:  una famosa e bellissima artista della Bielorussia, che sul tragitto per la mia città non riesce a tenere il violino fermo nella sua custodia e suona. Suona facendo diventare questo viaggio ordinario qualcosa di fantastico! Il suo vestito è GIALLO che più giallo non si può. 


La donna-scheletro del mio sogno ( e di conseguenza della mia opera gialla ) ha pure lei un vestito giallo che più giallo non si può! 


4) Arrivo a casa e mi concedo un pò di sano cazzeggio su internet.
Trovo questa scemenza qui: 


Alzo gli occhi al cielo, mi viene un pò da ridere e alzando le mani dico: "Ok ok, Universo! Ho ricevuto il messaggio. Tiro fuori il giallo che c'è in me!"  Dal 14 Ottobre, saremo meno piccoli e meno nascosti. Posso smetterla di bagnare la mia coda di volpe per farla sembrare una normale coda di cane, e permetterle di gonfiarsi tutta. Mi hanno sgamato...e visto che sono una volpe, ne approfitterò!

lunedì 7 ottobre 2013

E domani....



Tenterò la sorte con queste tre creature.
Volpe, Corvo e Farfalla.
Le tre creature che insieme formano quella che sono qui e ora. 
Intanto....
il fuoco del camino è ritornato ad essere il cuore della casa, fuori piove forte e un viaggio in treno mi aspetta. Viaggiare in treno con la pioggia mi piace proprio tanto.
Di certo l'atmosfera non manca.
Ora devo solo cercare di capire come recuperare un ritmo "da brava bambina" e andare a dormire.
Dopo un mese e più di orari selvatici e liberi non è mai immediato! 


sabato 5 ottobre 2013

Pioggia buona


La notte è passata,
passa sempre anche quando sembra impossibile.
Finalmente le nuvole si sono decise,
ed è arrivata la pioggia.
Una pioggia buona, per ricominciare.
Ricominciare con la vista doppia.
Fa freddo, e forse già oggi accenderemo il fuoco
un pò in anticipo.
Il mio fuoco invece è già alto,
ma ha smesso di ruggire  e adesso lo posso usare,
di nuovo e di nuovo.
Infatti, ecco adesso come stanno le cose:


Mi sto affezionando a questa cosa dei cerchi emozionali, mi sa che continuerò!

venerdì 4 ottobre 2013

Uno sguardo dentro


Cosa c'è dentro di me in questo momento?
Quali sono le emozioni che sento, un pò in conflitto tra di loro?
Con questi cerchi volevo fare lo sforzo di guardarle meglio, 
anche quelle che non mi piacciono,
anche l'ombra.
Come quella volta che ho trovato il grande specchio disteso sul tavolo,
come una distesa d'acciaio messa lì apposta,
e mi sono fermata a guardare, a trapassare l'immagine.
Quindi se vuoi, puoi leggere questa immagine come un libro aperto, come una mappa.
Intanto il mio cuore trema un pò ed è così agrodolce....
forse è solo l'autunno,
forse è che sta tornando quell'onda tanto familiare
e tanto sconosciuta.
Il Palo Santo brucia,
il suo odore è come un balsamo.
Brucio con lui, ma al tempo stesso sento un languore impossibile.
Vorrei togliere tutti gli strati.
Tutti gli strati. 


Siamo pronti?


Divagare



Oggi ho dovuto per la prima volta asciugare i capelli con il phon,
oggi ho sentito per la prima volta il vento freddo, 
e sono andata in bici con una maglia a maniche lunghe,un golfino e una sciarpa,
oggi ho spedito due lettere: una in Sicilia e una in Olanda ad amiche lontane,
oggi ho gustato una cioccolata calda ridendo con altre amiche che non vedevo da tanto,
oggi è già praticamente domani e quindi oggi è Venerdì e io dovrei andare a dormire, 
perchè il tempo per studiare stringe,
ma ovviamente quando il tempo stringe, divagare è oscenamente piacevole,
e in questi giorni ho pure un nodino di nostalgia finlandese nel cuore,
che mi fa accendere candele e guardare foto,
che mi fa compilare buffe liste di cose da spedire,
ma sopratutto che mi fa divagare tantissimo....❤ 

martedì 1 ottobre 2013

Piccoli segreti dei campi...



Se c'è una cosa che mi piace in questo periodo
quando non fa più troppo caldo ma nemmeno freddo,
è vagare nei campi qui intorno.
Ci sono due o tre posti che per me sono molto 
importanti, sono luoghi un pò nascosti ma vicinissimi.
Sono le mie "isole" per i momenti scuri,
sono rifugi per lo spirito.
Uno di questi è la dimora della mia cara vicina di casa
dalla coda folta. Sì proprio la tana della volpe.
So riconoscere il punto esatto in cui si trova anche da lontano.
Il vecchio ingresso è crollato già da più di un anno,
ma sapevo che ne avrebbe scavato un altro,
e oggi ne ho trovato anche un secondo nuovo e ben tenuto,
e tutt'intorno intorno....ossa! 
Molti avanzi di svariati spuntini e perfino un guscio d'uovo! 
Mi piace saperla così vicina, e trovare le sue tracce.





Poco lontano la gente corre e cammina sull'argine,
ignara della vita segreta dei campi.
Noi invece osserviamo ogni cosa 
nelle nuvolose giornate di inizio autunno, 
e ogni tanto ci salutiamo a vicenda urlando nella notte.

Ps: Anche io sono andata heem...a caccia, 
e stasera la cucina avrà il profumo delle pannocchie bollite!