sabato 22 maggio 2010

La parrucchiera...

Ora vi racconto di un posto nel centro di Milano,
non distante dall'accademia.
Un posto che avevo già notato da tempo e che mi incuriosiva!
Questa è la vetrina vista dall'altra parte della strada e poi dall'interno ...




....Una vetrina a metà tra l'etnico e il robivecchi,senza nessuna insegna.
Così ieri di ritorno dalla forneria che è sullo stesso marciapiede,ho spinto la porta e provocando diversi scampanellii sono entrata!


Mi sono trovata davanti un'incredibile varietà di oggetti colorati e vecchi,giocattoli impolverati,oggetti tibetani,ricordi di viaggio,ritagli di giornale,mobili in legno,e specchi....




...La proprietaria del locale,una donna sulla 50ina dall'aria interessante,era intenta ad impastare la testa di una signora anziana,e mi ha detto di essere una parrucchiera con la passione per il Tibet . Mi sono sentita decisamente a mio agio in mezzo a tutti questi oggetti dall'aria vissuta e penso che tornerò a scambiare quattro chiacchere!
Se non avessi visto i grandi caschi in mezzo a tutta quella roba e lei all'opera,non avrei mai detto che si trattasse di una parrucchiera!

3 commenti:

  1. È bellissimo quando le persone escono dagli schemi. Il mio oculista colleziona vecchi targe di latta con cui ha tappezzato il suo studio. La prima volta credevo di aver sbagliato porta! Originale e stupendo:)

    RispondiElimina
  2. Sono perfettamente d'accordo.
    E spesso mi diverto un mondo ad osservare silenziosamente la gente... ;)

    RispondiElimina
  3. wow...davvero originale...la prossima volta che passerò da quelle parti ci butterò un'occhiata anch'io!

    RispondiElimina