mercoledì 2 novembre 2011

Aghi e percorsi

Eccoci infine:
gli aghi hanno scritto sulla mia pelle il percorso.....


Il labirinto, come mostrano i culti più antichi, è in realtà la raffigurazione grafica del ciclo vitale;
è immagine del mondo soprannaturale e infero ove sono celati misteri e verità superiori.
Un mondo verso il quale necessariamente ci s'incammina.

" Nella preistoria la caverna, molte volte assimilata a un labirinto o trasformata ritualmente in un labirinto, era contemporaneamente il teatro delle iniziazioni e il luogo in cui si seppellivano i morti. A sua volta il labirinto era equiparato al corpo della Terra Madre. Penetrare in un labirinto - o in una caverna - equivaleva ad un ritorno mistico alla Madre.
Un labirinto è la difesa a volte magica di un centro, di una ricchezza, di un significato. Penetrare in esso può essere un rituale iniziatico, come si vede grazie al mito di Teseo. Questo simbolismo costituisce il modello di qualsiasi esistenza la quale, attraverso una quantità di prove avanza verso il proprio centro, verso se stessa."
(Mircea Eliade, L'épreuve du labyrinthe, Paris, 1978)

2 commenti:

  1. Bello il labirinto e soprattutto la volpina!
    Brava Goddina!
    Besitos
    Madrix

    RispondiElimina
  2. La volpina viene dalle pietre preistoriche della Valcamonica (Naquane Capo di Ponte)...il labirinto c'è anche lì, oltre che praticamente in tutto il mondo! :)

    RispondiElimina