sabato 13 dicembre 2014

Luce invernale

Calore interiore che non smette di stupire,
sopratutto nel periodo più buio dell'anno che si riveste come sempre di luci.
Luci che non hanno perso la loro antica funzione, a dispetto della cattiva memoria dei più.
In questo periodo mi godo il freddo e l'atmosfera, scaldata da quella stessa forza che alla fine permette al sole di tornare ancora e ancora, anno dopo anno.
Quest'anno poi ne ho motivi ancora maggiori, 
perchè ci sono affetti vecchi e nuovi, visite inaspettate, qualcosa che se ne va e qualcos'altro che ritorna.
Tutto si mescola e fluisce, 
basta chiudere un attimo gli occhi e seguire la corrente.


( In questo collage oltre alle mie foto, due immagini di artisti che adoro:
 in alto a sinistra John Bauer e in basso a destra Susan Seddon Boulet. ) 

3 commenti:

  1. Io faccio comode le coperte di questo post col mio musetto e mi accuccio qui.
    Ti dispiace se mi metto a dormire dentro il tuo post?
    Profuma di bene.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. (Sì, è una domanda retorica ostentatrice di poesia, sono una ingannosa monella, LO SO che sei contetissima se mi metto a dormire nei tuoi post, hahahaha!)

      Elimina
  2. Leggo questo proprio mentre sono lievemente corrucciata per non aver trovato la mia coperta preferita - che dev'essere rimasta in soffitta chissàdove- proprio quando ormai è tutto impacchettato per il viaggio! Fantastico! :))

    RispondiElimina