giovedì 1 luglio 2010

"Vulpes Antropologicus"



Stamattina la mia sveglia non ha suonato.
MA un sogno mi ha svegliato alle 6:30 giusto mezz'ora prima dell'irreparabile.
Giusto il tempo di bere un caffè al volo e sbiciclettare in stazione in tempo!
....Fortuna che ho la saggia abitudine di preparare le mie cose la sera prima!
Arrivo in accademia alle 9:30 dove il foglio appiccicato alla porta dell'aula 19 dice che prima di me ci sono 13 persone. Ok,mi è andata anche mooolto peggio.
Avevo uno zaino nero con dentro almeno 5 libri,il mio piccolo tamburo ungherese che sembra un sole e il piccolo ramo a staffa trovato sulla spiaggia in Toscana:
le onde l'hanno modellato alla perfezione per renderlo quel che è diventato,
ovvero un piccolo battente per il piccolo (ma furbissimo) tamburo che ne era privo!
Tra i libri anche un saggio su Armo,il mio paesino d'Aspromonte....assolutamente collegabile con "Sud e Magia" di De Martino.
Sono stata fortunata molte volte oggi.
La Prof ha subito deciso di esaminare in giornata fino al 14
(il mio numero) e gli altri domani.
Sono riuscita a tornare a casa con il treno delle 17:20.
Ho aspettato tutto il giorno perchè ero l'ultima,ma fortunatamente ho fatto amicizia con una simpaticissima ragazza Ucraina,e avevo a portata di mano
l'orto botanico in pieno rigoglio da Jungla
(ci sono pure dei girasoli alti 2 metri,e la digitale poco ci manca!)
E ovviamente avevo il mio piccolo sole dalla buona voce.
La mia nuova amica ad un certo punto, approfittando della coda è andata a portare un curriculum in centro....ed è poi tornata raggiante con un nuovo lavoro! ;)
Io alla fine della suonata (è proprio il caso di dirlo)
ho creato collegamenti di ragnatela tra i nostri affascinanti e antichi folklori.
Dalla Nonna al Corvo,dal Mar Jonio al Baltico.
Non ho dovuto studiare niente,avevo già tutto dentro e da un sacco di tempo.
La mia storia incredibile è diventata il mio esame.
30/30 sorrisoni da entrambe le parti,
e una professoressa di Antropologia entusiasta che seguirà la mia tesi.
Ps: Il disegno in alto (che a molti sembrerà un pò strano) viene dal sogno che mi ha svegliato in tempo. Non è nemmeno la prima volta che lo sogno,
ma è la prima volta che ne ricavo un disegno!
Il sogno a sua volta,viene da un posto lontano,dove c'è un grande albero
con molti uccelli e molti nidi sui suoi immensi rami....




Nessun commento:

Posta un commento