lunedì 2 agosto 2010

Tra le nuvole


30/7/2010
Ore 11:30



Dopo aver visitato Suomenlinna,aver fatto un picnic con Irene,Santeri,sua moglie e i gabbiani,dopo aver salutato con abbracci e e occhi umidi il corvo,Irene e Armo,
dopo una notte passata ad Helsinki poco distante dalla stazione centrale,
ecco che la Finlandia è ormai lontana sotto di noi. Scrivo in aereo.
Ma sento qualcosa di me che è sicuramente rimasto impigliato
tra i rami degli alberi della foresta,
tra le pietre,nel pelo di Armo,tra le storie di erbe e folletti di Irene,
nelle vesti chiare e scure del corvo.
Qualcosa di questa terra dall'estate gentile mi è rimasto negli occhi e sotto la pelle,ma la cosa che sento ancora più di prima è il calore,
e questo lo devo a persone speciali e semplici.
Questo viaggio è stato spesso emozionante ma tutto sommato tranquillo,ci siamo "annusati" silenziosamente senza mai oltrepassare una certa linea,ma le sensazioni non sbagliano e sono state buone: pazienza,cautela,tenerezza,speranza....
La strada è lunga,molto lunga.
Il corvo mi ha detto di tornare in inverno,e direi che questa è una cosa positiva.
Abbiamo creato l'inizio,nient'altro che un piccolo inizio,e sapevamo che sarebbe stato così anche prima della mia partenza.
I passi della volpe continueranno......ed io li seguirò ancora.



Nessun commento:

Posta un commento