venerdì 23 marzo 2012

Finlandia: 3 Marzo 2012

Ultimo giorno


Stamattina, quando abbiamo raggiunto Korppi in casa, sul tavolo c'era un biglietto di Irene con il buongiorno per il Corvo,qualche istruzione e una breve lista della spesa.
Spesa che siamo andati a fare nel vicino paesino di Veikkola,dove oltre a comprare le cose della lista abbiamo preso anche qualcosa per il nostro pranzo.
Ma prima di pranzare Korppi ci ha portato a camminare nella neve alta fino a raggiungere un bel luogo che sovrasta il lago, e lì ci siamo fermati ad ascoltare la musica del vento che corre sulla cima degli alberi,per poi scendere a piedi sulla sperficie del lago ghiacciato e tagliare così un bel pezzo di strada nella neve che mi arrivava fin sopra il ginocchio ( non che ci voglia poi tanto...)



La cosa più strana è stata farmi indicare il mokki in cui mi trovavo quella prima notte d'estate, pensando che all'epoca in quel punto su cui posavano i miei piedi o poco più in là eravamo arrivati in barca!




Dopodichè abbiamo pranzato in tre con dell'ottima salsiccia d'alce,marmellata ai frutti rossi,
le onnipresenti patate e latte. Poi verso le 16 Korppi è andato a prendere Irene al lavoro.



Il resto del pomeriggio di quest'ultimo giorno è passato tranquillo ed in modo creativo: Io disegnavo, Ste creava una nuova meraviglia di carta ( ormai la loro casa di Espoo è piena di origami colorati!) e Irene,con le sue mani sapienti preparava una torta con ricotta e limone.



E quando alla fine la torta è stata sfornata, lei ha riempito un cestino di betulla con tutto l'occorrente per fare il caffè all'aperto e qualcosa da mangiare ( tra cui una confezione di salame di renna ) dopodichè ci ha consegnato un bel pò di coperte e così siamo usciti, seguendo un sentiero ricavato nella neve alta fin dietro la casa rossa e infine abbiamo raggiunto una grande buca dalle pareti di pietra pressata alte circa un metro, abbastanza spaziosa da contenere lo spazio del falò che quello per quattro sedie tutte attorno, su cui abbiamo disposto le coperte.




In pochissimo tempo Korppi ha acceso il fuoco,e l'ultima serata è trascorsa così. Con un cerchio di abeti e stelle sulla testa e la luna ormai crescente, bevendo caffè caldo,mangiando e ridendo.
Sono molto contenta di essere riuscita a dire in quest'occasione ( che era quella giusta) le cose che già da un pò di giorni mi stavo tenendo nel cuore. Un momento molto bello ed anche divertente, divertente come l'esclamazione del Corvo nel sentire la mia voce parlare in finalndese così a lungo! Quando poi il fuoco si è trasformato in braci rosse,ci siamo salutati e abbracciati, ed io e Ste abbiamo preparato i bagagli prima di coricarci.





Nessun commento:

Posta un commento