giovedì 26 luglio 2012

Dalle colonie Joniche....














Da qui vi scrivo.

Il lungo viaggio è finito da un pezzo.
Io, sperduta tra i colli brulli dell'Aspromonte, 
dove ancora si nascondono i satiri, folleggiando nelle notti di luna, ho finalmente la mia tana:
Una stanza in cima alla casa, un pò torre un pò soffitta, un pò terrazza.
Dalle pareti azzurre. 
Un osservatorio per guardare la messa che entra e esce e ridere sotto ai baffi.
Un posto perfetto per fare le bolle di sapone che si perdono tra le tegole e gli altri tetti,
e che a volte arrivano inaspettatamente lontano e stupiscono i passanti.
Da un angolino, si vedono pure il mare e un pezzetto di Sicilia.






E adesso che sono qui ho una presentazione importante da fare:
La miticissima Matilde di cui vi ho già scritto, il giorno in cui sorprese tutti venendo al mondo!


I giorni sanno di fumo e sembra sempre Domenica.
Il mio sangue è incendiato da antiche frenesie da Baccante,
ma non ho ancora visto il mare di persona.
E il mio uomo-gatto? Il mio satiro dalla barba rossa? 
Arriverà presto.....

Nessun commento:

Posta un commento